Classifica finale 2014

OPERE VINCITRICI

1 – Nòtt de San Lorenz di Baroni Renato – Bovisio Masciago (Monza e Brianza)

Sdraiaa su on praa mì e lee,
cont i oeucc vers on ciel
ch’el caragna stèll
in de la nòtt d’estaa
che riciama i desideri,
me senti sgorà via
sòtta el bofà del vent
come sabbia del desert.
Cerchi de resist, gh’hoo paura,
intorna vedi pù nient.
Ona fòrza oscura la me ruzza
sòtta on ciel viola, bass,
caregh de nivol e tron,
vers on precipizzi
che sarà el mè doman.
Me vòlti indree e vedi
l’amor scarligà via,
me troeuvi deppermì,
e la vitta borlada in tèrra
de la bufera a l’è in balia.
D’on bòtt però a dèrvi i oeucc:
l’è staa domà on sògn;
me vòlti e lee la sorrid,
ghe foo ona carèzza
e ghe strengi fòrt i man.
El coeur el torna a batt
perché lee la sarà al mè fianch
per tutt i mee doman
a tegnì insèma i granitt
de la mia anema de sabbia.

Traduzione

Notte di San Lorenzo

Sdraiati su un prato io e lei,
con gli occhi verso un cielo
che lacrima stelle
nella notte d’estate
che richiama i desideri,
mi sento portato via
sotto il soffiar del vento
come sabbia del deserto.
Cerco di resistere, ho paura,
intorno non vedo più niente.
Una forza oscura mi spinge
sotto un cielo viola, basso,
carico di nuvole e tuoni,
verso un precipizio
che sarà il mio domani.
Mi volto indietro e vedo
l’amore scivolare via,
mi trovo solo,
e la vita caduta a terra
della bufera è in balia.
D’un tratto però apro gli occhi:
è stato solo un sogno;
mi volto e lei sorride,
le faccio una carezza
e le stringo forte le mani.
Il cuore torna a battere
perché lei sarà al mio fianco
per tutti i miei domani
a tenere assieme i granelli
della mia anima di sabbia.

2 – Ho sentito e ho capito di Malengo Chiara – Bussoleno (Torino)

Ho sentito il battito d’ali di una farfalla
delicata creatura, esempio di soave eleganza
e ho capito che la vera libertà
è nella forza della fragilità.
Ho sentito trattenuti singhiozzi di pianto
in una bianca corsia di letti tutti uguali
e ho capito che le lacrime peggiori
non scendono dagli occhi, ma scorrono nelle vene.
Ho sentito proclami di vittoria
urlati con vanità e superbia
da vuoti spiriti in terreni corpi
e ho capito quanta ricchezza ci sia nell’umiltà.
Ho sentito promesse mai mantenute
parole di sconforto da chi vede la strada annebbiata
e ho capito che bisogna contare su se stessi
affrontando i propri limiti con la luce nel cuore.
Ho sentito il rumore del mare
susseguirsi di onde contro gli scogli
in un fragore dal sapore salato
e ho capito la forza dell’immensità.
Seduta su una roccia, in mezzo al bosco,
ad occhi chiusi,
ho sentito il silenzio della natura
e ho capito cos’è la pace.

3 – Sgrisor di Redaelli Giulio – Albiate (Monza e Brianza)

Cerchi in sul fond di nivol
on orizzont de paroll noeuv
per trà in del foeugh quei vecc
stracch e frust
tanti volt rivoltaa.
Su l’era del mè temp
batti stagion de sò
e de gramegna.
Cerchi in de l’ier
el dì de doman
che subit el me scappa di man.
Passa ‘l vent
el sa porta via la luna.
Passen i ann
e i mè sogn pussee bei
comè coriandol de stell
resten lì
taccaa ‘l ciod del coeur.
Gh’hoo ‘n sgrisor
intant che spendi la vita
senza comprà nient.

Traduzione

Brivido

Cerco sul fondo delle nuvole
un orizzonte di parole nuove
per gettare nel fuoco quelle vecchie
stanche e logore
più volte rivoltate.
Sull’aia del mio tempo
trebbio stagioni di sole
e di gramigna.
Cerco nell’ieri
Il giorno di domani
che subito mi sfugge dalle mani.
Passa il vento
e si porta via la luna.
Passano gli anni
e i miei sogni più belli
come coriandoli di stelle
restano lì
appesi al chiodo del cuore.
Ho un brivido
mentre spendo la vita
senza comprare niente.

4 – Me patri si cunfunni di Bellanca Giuseppe – San Cataldo (Caltanissetta)

Me patri cunfunni
u jurnu ccu la notti
u mari ccu lu cilu
i stiddi e a luna.
Di picciuttu nu liuni
ranni travagghiaturi
patri amurusu
maritu ‘nnammuratu e fideli.
A strata bbona nni ‘nsignà
l’amuri ppi la famigghia e l’honestà
essiri umini e fimmini
nni sta società.
E ora?
Liuni jeratu
li forzi ti pigghiaru
a menti cunfusa
dda nu curpu strantuliatu.
Ti pigghiu ppi manu
e mi dumanni cu sugno.
“To figghiu” rispunnu.
A to menti cunfusa
mi scancia ppi n’antru
certi voti ppi so patri
certi voti ppi cusà cu.
Nnu mo cori priu
ca tu nun pati
u mo duluri
lu tignu ppi mì.

Traduzione

Mio padre si confonde

Mio padre confonde
il giorno con la notte
il mare con il cielo
le stelle e la luna.
Da giovane un leone
grande lavoratore
padre amoroso
marito innamorato e fedele.
La strada buona ci ha insegnato
l’amore per la famiglia e l’onestà
essere uomini e donne
in questa società.
E ora?
Leone eri
le forze ti hanno preso
la mente confusa
in un corpo tremante.
Ti prendo per mano
e mi domandi chi sono.
“Tuo figlio” rispondo.
La tua mente confusa
mi scambia per un altro
certe volte per suo padre,
certe volte per chissà chi.
Nel mio cuore prego
che tu non soffra
il mio dolore
lo tengo per me.

5 – ‘A vindigna di Mazzitelli Francesco – Policoro (Matera)

Jà ssupa pe li violi
di chija stanca costera,
ngrovijata d’arrami
ntorciliuati di la vigna,
jeu curiusu mi ngarrunava;
j’era figghjolu,
e, mentri u suli d’agustu
accarizzava a rocina agresta
pittandula di russu,
girijava quetu quetu
pe li senteri pe’ gustari l’arrisi
di grappi da rocina,
chi occhijavanu filìci
arretu i frundi virdi di la vigna.
Finarmente
arrivava u jiornu da vindigna
e, all’arba,
comu nta na pricessioni,
jiemu tutti quanti nta campagna;
sparigghjiati pe’ la costera
cu gisti e cu panara
sutta u vrazzu;
omani, fimmani, cotrari e figghjoleji
cogghjiemu cu gioja
chiji grappi chjini di coccia di rocina.
Canti, sturnedjia
e nu parlìari di cuntinu
accumpagnavanu a fatiga da ricota,
e, cu discurzi chi sapenu di nenti,
jemu mpresciati
pe’ sbacantari nta li rivaci,
supa a li carri,
gisti e panara,

Traduzione

La vendemmia
Là su per i viottoli
di quella stanca collina,
abbracciata dai tralci
contorti della vigna
io curioso mi avventuravo;
ero ragazzo,
e, mentre il sole di agosto
accarezzava l’uva acerba
colorandola di rosso,
camminavo in silenzio
per i sentieri per gustare il sorriso
dei grappoli di uva
che occhieggiavano felici
sotto i pampini verdi della vite.
Finalmente
giungeva il giorno della vendemmia
e, all’alba,
come in processione,
si andava in campagna;
sparpagliati sul colle fra i filari,
con cesti e panieri
sotto il braccio;
uomini, donne, ragazzi e bambini
raccoglievamo con gioia
quei grappoli colmi di acini.
Canti, stornelli
ed un vociare continuo
accompagnavano la fatica della raccolta,
e, con discorsi che sapevano di niente,
andavamo frettolosi
per svuotare nei tini,
sui carri,
cesti e panieri,
colmi di uva.

 

PREMIO EDITORE
– Nella camera accanto di Barotto Edoardo – Gaiba (Rovigo)

PREMIO COMUNE DI CERIANO LAGHETTO
– Il mio Angelo di Piovesana Maria Luigia – Ceriano Laghetto (MB)

PREMIO AUTORE PIU’ ANZIANO
– Me stesso di Licata Vincenzo (classe 1920) – Realmonte (Agrigento)

PREMIO AUTORE PIU’ GIOVANE
– La terra di Camagni Oscar (classe 2006) Busto Arsizio (Varese)

LE 10 POESIE SEGNALATE DALLA GIURIA:
– La vita segreta di un’ape di Colacrai Davide Rocco – Terranuova (Arezzo)
– Il tarlo di Catalani Gaetano – Ardore (Reggio Calabria)
– Heram di Di Ruggero Francesco – Monza
– Il vuoto dell’assenza di Bianchi Clara – Firenze
– Il diario di Mazzuia Roberto – Origgio (Varese)
– Il mare. Genova 1987 di Dragone Anna – Savona
– Cambio passo di Passeo Filippo – Modena
– Buonasera signor Mimmo di Barbaro Eleonora Maria – Reggio Calabria
– La lampara di Grillo Salvatore – Ruttigliera Alta (Torino)
– E la chiamano stella di Modica Giuseppe – Ragusa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *